close
Alluce Valgo | PODOLOGO Dott.ssa Kassandra Nicolosi
Alluce Valgo

Alluce Valgo

Spread the love

L’alluce Valgo è caratterizzato dalla deviazione laterale della prima articolazione Metatarsofalangea,che nelle fasi avanzate può associarsi  alla formazione di una esostosi (prominenza ossea) che è comunemente conosciuta come “cipolla”. L’alluce valgo ha una forte predisposizione familiare, ciò non vuol dire che venga ereditata la deformità in sè ma bensì vengono ereditate una serie di predisposizioni anatomiche del piede che favoriscono una determinata biomeccaniche posturale predispone lo sviluppo della deviazione assiale del primo raggio con formazione di tale deformità.

Spesso confuso con un’altra comunissima problematica dell’alluce anch’essa caratterizzata dallo sviluppo di borsite (cipolla) che è invece nota come alluce limitus/rigido, che non prevede la deviazione in valgo dell’articolazione ma solamente la perdita funzionale della sua motilità con progressiva anchilosi.

Le problematiche secondarie all’alluce valgo sono molteplici, oltre a quelle posturali causate da una errata biomeccanica del piede durate il movimento, ci sono le problematiche legate alla deformità stessa che causano danni alle unghie e rendono difficile la scelta di una adeguata calzatura. L’alluce valgo è molto doloroso, talvolta invalidante.

E’ di fondamentale importanza conoscere se vi è una predisposizione anatomica del piede per prevenire e posticipare il quanto più possibile il decorso della patologia al fine di limitare i danni funzionali e strutturali.

Il Podologo può effettuare una prevenzione dell’alluce valgo valutando la conformazione anatomica del piede attraverso un  esame obiettivo e successivamente  biomeccanico. Ai fini della prevenzione e per ritardare la progressione della patologia il podologo può intervenire con metodi conservativi ortesici (plantari ed ortesi in silicone) in base allo stadio della deformità.

Inoltre è fondamentale occuparsi della cura delle unghie che possono andare incontro a rottura (onicolisi), ispessimento  e talvolta , per via della deformità dell’alluce,  danneggiare e ledere i tessuti cutanei delle altre dita del piede o sfociare in un unghia incarnita.